lunedì 4 dicembre 2017

La forma delle nuvole, il nuovo album del cantautore Ruggero Ricci


La Forma Delle Nuvole”, nuovo album di Ruggero Ricci.

Il ritorno del cantautore romagnolo è segnato da un disco dalle liquide sonorità electro pop fondato sull'ideale di libertà: di scegliere, ma soprattutto di interpretare la realtà che ci circonda, la scelta di una prospettiva arbitraria che rende ogni cosa mutevole. Nelle nuvole ognuno di noi può elevarsi e vederci ciò che desidera. Si torna bambini, si galleggia nella semplicità e si fantastica in una dimensione onirica, quasi fiabesca.


Genere: pop / electro / cantautorato
Label: PMS Studio
Release Date: 02.12.2017




Un intenso e appassionato lavoro ha coronato la realizzazione del nuovo album del cantautore Ruggero Ricci.

Prodotto dalla PMS Studio, è disponibile su tutti i digital store dal 2 dicembre 2017 con una fitta programmazione di presentazione live:

11/11/2017 @ Teatro Rosaspina Montescudo (RN ), ospite di Sugar Free Party
17/11/2017 @ Teatro del Navile Bologna, ospite e giurato alla Rassegna Cantautori “Bologna una Città per Cantare”.
18/11/2017 @ Locale Ai Pioppi Lido di Savio ( RA )
03/12/2017 Centro ESP (RA) - Showcase Album con firmacopie e presentazione live con band
16/12/2017 Sala Polivalente - Idea soc. Coop Gambettola (FC) Concerto di Natale
17/12/2017 @ Chiribilli Art Cafè Bagnacavallo (RA)
14/01/2018 @ Le Maioliche Faenza (RA) Showcase Album con Firmacopie e presentazione live con band


La forma delle nuvole contiene 16 brani inediti scritti da Ruggero Ricci e segna a livello di contenuti un cambiamento rispetto al suo primo album Contrasti del 2014: certe metafore inserite volutamente, l'utilizzo mirato di cori e seconde voci avvicinano l’ascoltatore ad autori come Federico ZampaglioneNiccolò Fabi Giuliano Sangiorgi, dove la ricerca è sempre accompagnata dalla vocalità e dal rispetto del suono.


Il senso racchiuso in questo disco è l’ideale di libertà posto prima di tutto. Libertà di scegliere ma soprattutto di interpretare la realtà che ci circonda, la scelta di una prospettiva arbitraria che rende ogni cosa mutevoleNelle nuvole ognuno di noi può elevarsi e vederci ciò che desidera. Si torna bambini, si galleggia nella semplicità e si fantastica in una dimensione onirica, quasi fiabesca.

Fanpage https://www.facebook.com/ RuggeroRicciOfficial

La parola chiave che rende meglio l’idea ce la offre direttamente il protagonista, con la sua consueta travolgente allegria e lo sguardo dolce e sognante: “Contaminazione”.

Il denominatore comune è il genere pop melodico, spesso e volentieri annacquato da un taglio elettronico che si amalgama perfettamente con le tendenze musicali del momento.
Lo si percepisce in brani come RespiroSuccedeUna piccola parte di me, dove l’arrangiamento è accattivante e rende giustizia a testi che si possono vivere in prima persona come fotogrammi che scorrono a raffica.

YouTube channel https://www.youtube.com/user/ RuggeroRicciVEVO
Al centro di ogni testo vi è la realtà delle cose, è come se ognuno di noi potesse intravedere frammenti della propria vita posti secondo un filo logico ben specifico; si intuisce dunque che i testi costituiscono il punto di forza del disco e ciò che rende unica ogni canzone è la voce del cantante, che sembra dare un peso specifico ad ogni parola, con intenzioni differenti quasi a voler accompagnare l’ascoltatore in un percorso sensoriale, dove ogni titolo può essere assimilato ad un colore differente.


Insomma La forma delle nuvole è un album che non ha età ed è per tutti i gusti. Un album ideale per viaggiare con la mente, come un libro che si lascia sfogliare con facilità, regalandoti una canzone per ogni stagione.

Il singolo, con relativo video disponibile su YouTube, che accompagna l'uscita del disco è Distratta-mente: “Può essere considerato un brano poliedrico che parla della routine quotidiana e nel quale chiunque può immedesimarsi in prima persona.” afferma il cantautore. “Il panorama - che prende in esame la società contemporanea - è alquanto desolante: la superficialità e l’apparire sono sempre al primo posto e sembra sempre più lontana e utopica la volontà di ogni individuo di dare valore al proprio io nell’essere se stesso ed andare contro-corrente.”



Tracklist
1. Cercando un lieto fine
2. Questo mio esistere
3. Il riflesso di me e di lei
4. Succede
5. Distrattamente
6. L'ultimo raggio di sole
7. Sopra ali di niente
8. Io dico ti amo
9. La forma delle nuvole
10. Una piccola parte di me
11. L'amore ti porta a cambiare
12. Invisibile
13. La condizione
14. Respiro
15. Il giorno della tua festa (Alessandra)
16. Indietro ancora


Biografia
Ruggero Ricci nasce a Lugo (RA) il 13/02/1989. Fin da bambino dimostra una forte predisposizione per la musica Soul-R&B con successivo inquadramento nel genere brit-pop. I suoi riferimenti principali sono: Amy Winehouse, Janis Choplin, Billie Holiday e James Brown. La passione per la musica lo spinge ad intraprendere la via della composizione di testi come autore e della didattica del canto, con la maturazione di un percorso incentrato in buona parte sull'esperienza live. Attualmente è cantautore per l’etichetta indie PMS Studio e docente di canto moderno presso "Accademia 49 ®" di Cesena.



Contatti

antipop.project@gmail.com

Frank Lavorino 339 6038451






martedì 28 novembre 2017

Esce maremosso, il nuovo album de LeFragole.


Energia e raffinatezza pop cantautorali a profusione per il duo bolognese formato da Marco Tascone e Carlo Alberto Montori, che canta le folle in rivolta nelle strade, le inquietudini dentro ciascuno di noi, i tormenti che segnano i legami di amicizia e di amore, i piccoli e grandi cambiamenti che incontriamo nella nostra vita.




Esce maremosso il nuovo album de LeFragole, band pop rock bolognese che propone brani frizzanti e introspettivi, con richiami ai BeatlesLucio Battisti e Rino Gaetano.

Durante la lavorazione dell’album, tra testi da aggiustare, arrangiamenti da completare e tracce da registrare in studio, sopraffatto da tutte le cose che c’erano da fare Marco ha sbottato con - Uff, in queste settimane sono un maremosso!-”

Un’espressione che alla band è sembrata stupenda e che ha quindi deciso di catturare e farla propria. Il duo emiliano si è reso improvvisamente conto che le onde del mare in burrasca sono un’immagine che descrive alla perfezione il continuo movimento e l’agitazione che caratterizza molti brani dell’album: le folle in rivolta nelle strade, le inquietudini dentro ognuno di noi, i tormenti che segnano i legami di amicizia e di amore, i piccoli e grandi cambiamenti che incontriamo nella nostra vita.

È un moto perpetuo che non ci deve spaventare perché è naturale, nell’ordine delle cose, proprio come le onde del mare; quando sono più grandi significa che è in corso una trasformazione, sta cambiando qualcosa, stiamo vivendo.

E quindi il titolo perfetto era maremosso, scritto tutto attaccato, un neologismo adatto per descrivere questa sensazione, questo sentimento che tutti incontrano nel corso della propria esistenza.

L’uscita dell’album è accompagnata dal video-single Radio Alice, che racconta la storia della stazione radiofonica bolognese le cui trasmissioni sono state interrotte da un’irruzione delle forze delle ordine durante le sommosse popolari del 1977: “Un brano nato per il nostro spettacolo “Bologna FM” incentrato sulla città di Bologna, che ricrea l’atmosfera di una piccola radio indipendente. È stata l’occasione per avvicinarci a un’emittente radiofonica degli anni ’60, la fine di un esperimento di comunicazione indipendente che ha segnato molte persone.


Radio Alice è stata un'emittente radiofonica bolognese.” - continua la band - “Un'originale esperimento di comunicazione. Non aveva un palinsesto fisso, usava la diretta telefonica coi suoi ascoltatori senza alcuna censura e trasmetteva qualunque cosa: brandelli di libri, comunicazioni sindacali, poesie, lezioni di yoga, analisi politiche, dichiarazioni d'amore, commenti ai fatti del giorno, ricette, favole della buonanotte, liste della spesa, accompagnata dalla musica dei Jefferson Airplane, degli Area o di Ludwig Van Beethoven. Il 12 marzo 1977 la polizia fece irruzione nella soffitta di Via del Pratello 41 distruggendo tutte le attrezzature di trasmissione, accusando Radio Alice di avere fomentato scontri in strada, ma gli speaker si erano limitati a darne notizia. Le piccole radio locali e le radio locali sono state un elemento fondamentale per la formazione musicale e culturale del nostro Paese. Con questo brano vogliamo celebrarne una per celebrarle tutte, cercando di portare all'attenzione di tutti l'importanza che hanno avuto, attraverso l'utilizzo dell'hashtag #jesuisradioalice”.

maremosso è disponibile su tutte le piattaforme digitali, e in vendita in formato fisico sul sito ufficiale della band www.lefragole.net


Tour 2017 (in continuo aggiornamento)
24/4/17 @ Macondo, Bologna
26/04/17 “Bologna FMshow @ Macondo, Bologna
06/05/17 @ Lagaro (BO)
27/05/17 “Bologna FM” preview @ S.M.Assunta – BO
9/5/17 @ Macondo, Bologna
31/05/17 “Bologna FMshow @ Conta (BO)
25/6/17 @ Cavaticcio, Bologna
5/9/17 “Bologna FMshow @ Cavaticcio, Bologna
1/10/17 @ MEI, Faenza (RA)
13/10/17 @ Eurochocolate, Perugia
17/11/17 @ Eurobar, Villa d'Agri (PZ)
18/11/17 @ Shopville Gran Reno (BO)




Tracklist
1. Maremosso
2. Radio Alice
3. Il capolavoro
4. La canzone del sorriso
5. Maledetta l’amicizia
6. 2 agosto ’80
7. La mia via
8. La favola degli orchi
9. Voce profumata
10. Destino
11. Sulle relazioni
12. Sono un fiore
13. Non lasciarmi mai
14. Una vita a part-time
15. Baciabbraccio
16. Do
17. Schizzovia
18. Quasi suicidio sulle scogliere di Moher
19. Il cuore non ha sempre ragione


Dicono di loro
LeFragole propongono un cantautorato giocoso e poppeggiante, tra Belle & Sebastian e i Beatles, più ludici.” (Il Mucchio Selvaggio) http://bit.ly/2zGT99r

Suoni e parole vintage che assorbono la lezione di Lucio Dalla, di Umberto Balsamo e la verve dadaista di Rino Gaetano” (Indie-Eye) http://bit.ly/2AevLgz

Energia frizzante, raffinatezze melodiche e testi originali. La loro è musica senza confini nel nome della più totale libertà espressività.” (Free Art & News) http://bit.ly/2n6l0dd

LeFragole sono una realtà da seguire, scrutare, analizzare senza mai prendere troppo sul serio la nostra introspezione psicanalitica” (Musical News)

La loro capacità è quella di non perdersi in luoghi comuni o storie già sentite mille volte ma scandagliare con originalità un tema universale come l’amore.” (MusicPlus - Progetto Sonda) http://bit.ly/2zrCX7N


Biografia
LeFragole sono un duo musicale di cantastorie che mescola il cantautorato pop-rock a una messa in scena teatrale che contestualizza ogni brano e coinvolge il più possibile il pubblico nello spettacolo. Nei 10 anni di carriera la band ha pubblicato "La piccola enciclopedia del bosco" vol. 1-2-3 e "Gli amanti", album che hanno ottenuto riconoscimenti da pubblico e critica, tra i quali "Album più originale dell'anno 2008" da Radio Popolare Network e il 1° posto nella Indie Music Chart nel 2016. Alcuni brani de LeFragole sono stati inseriti nelle compilation "Pistoia Blues Festival 2015" e "Una canzone per Genova"; inoltre si esibiscono alla finale del Premio De André 2008 mentre nel 2013 vincono il premio "Una canzone per Bologna". I loro brani ed eventi live hanno stretto un forte legame col tessuto sociale del capoluogo emiliano, portandoli anche a suonare in uno speciale concerto nella sala d'attesa della stazione di Bologna, in collaborazione con l'Associazione Familiari delle Vittime 2 agosto 1980. Il profondo amore per la loro città li ha portati anche a sviluppare lo spettacolo di teatro-canzone "Bologna FM", che attraverso brani inediti e aneddoti narrati racconta la sua storia e le curiosità che la rendono così magica.


Contatti
Frank Lavorino 3396038451

sabato 18 novembre 2017

La poesia urbana di Luca Bretta: esce il nuovo album L'1%


Secondo album di inediti per il cantautore trentino/emiliano che, dopo il grande successo degli ultimi due singoli “Love Adventure” e “Basti Tu” (entrambi più di 100 mila visualizzazioni su YouTube) e gli oltre 200 concerti dal 2012 ad oggi, è pronto a lanciare il nuovo lavoro cambiando totalmente direzione.

Genere: pop/cantautorato
Label: All For Disconnected
Release Date: 16.11.2017

Streaming https://open.spotify.com/album/5hHbltdwQRrEaPvRnsAZBN

Esce giovedì 16 novembre il secondo album di inediti di Luca Bretta. Il cantautore trentino/emiliano, dopo il grande successo dei suoi due ultimi singoli Love Adventure e Basti Tu (che hanno superato entrambi le 100 mila visualizzazioni su YouTube) è pronto a lanciare il nuovo lavoro cambiando totalmente direzione.

Come dichiarato da Luca stesso, il nuovo album avrà un’impronta sonora completamente diversa dal precedente album Disconnesso, che dal 2015 gli ha permesso di calcare importanti palchi in apertura ad artisti come Luca CarboniNoemiDear JackFrancesco GabbaniZero Assoluto e molti altri.

Questo nuovo ed atteso album verrà presentato il 16 novembre presso il nuovissimo locale “35 Rosso” in via Ragno 35 a Ferrara, dove Bretta, dalle ore 19, suonerà ed interpreterà i nuovi brani in versione acustica, assieme alla propria band. Tutti i presenti potranno acquistare in anteprima la versione fisica dell’album ricevendo così anche alcuni omaggi esclusivi per la serata.

Evento Facebook

Luca Bretta vede così concretizzarsi il risultato del lavoro di oltre 9 mesi passati nel proprio studio di registrazione, nei quali ha gestito ogni aspetto artistico e tecnico dei propri brani. Il cantautore si è infatti occupato personalmente della realizzazione dell’album, non soltanto come autore (scrivendo testi e musica), ma anche come produttore, esecutore e arrangiatore, fino ad arrivare a curarne anche il sound design e il mixaggio.
Official Website www.allfordisconnected.com

Tracklist
Love Adventure
Solo Per Te (SABATO Sera)
Basti Tu
Niente Da Perdere
L’1%
Honey
Buonanotte
Giulia
Ho Bisogno Di Te
Pronti Ad Esplodere
Depression Call

CONCERTI PIU’ IMPORTANTI
- Finale Festival Show 2014 all’arena di Verona insieme a molti big ella musica italiana
- Festival Show 2015 - tappe di Jesolo (VE) e Lignano Sabbaidoro (UD) insieme a Noemi, Levante, Nesli, Gue Pequeno, Zero Assoluto e molti altri
- Festival Show 2016 a Bibione (VE) con Zero Assoluto, Patty Pravo, The Kolors, Emis Killa e molti altri
- Apertura concerto tour di Noemi - Madonna di Campiglio (TN) 2016
- Apertura concerto Luca Carboni - Madonna di Campiglio (TN) 2015
- Apertura concerto di Bobby Solo - Ferrara 2015
- Apertura concerto di Francesco Gabbani e Dear Jack - Comacchio (FE) 2016
- Red Ronnie - Roxy Bar 2014
- Apertura concerto The Kolors - Riccione (RN) 2017
- Oltre 100 concerti in locali ed eventi vari con la propria band dal 2012 ad oggi

Video esibizioni live

Biografia
Luca Bretta è un cantautore Trentino, di origini emiliane, attivo musicalmente dal 2007. Nato a Cento (FE) nel 1991, ha lasciato l’Emilia per trasferirsi prima tra i monti delle dolomiti bellunesi, e infine tra quelli trentini, a Madonna di Campiglio (TN). Dal 2012, conclusasi l’esperienza con la prima funk rock band in cui militava come bassista e autore, inizia un percorso solista riconducendo le proprie fondamenta sonore tra il pop e l’elettronica, con blande influenze funk e rock. Nel 2015 pubblica il primo album “Disconnesso”, dal quale sono stati estratti 7 singoli ufficiali disponibili su Youtube con i relativi video. Il più gettonato tra questi, “Sei bellissima”, premiato probabilmente per la freschezza e la semplicità delle scelte stilistiche (con oltre cento mila views del video su Youtube), lo fa approdare alla finale del Festival Show all’arena di Verona nella categoria Emergenti. Questo traguardo gli permette di ripetere l’esperienza con questo grande evento gli anni successivi in diverse tappe in giro per il triveneto, aprendo ad artisti come The Kolors, Emis Killa, Gue Pequeno, Bianca Atzei, Zero Assoluto e molti altri. Tra il 2015 e il 2017, Luca gira l’Italia in molti live arrivando ad esibirsi in apertura a concerti dei tour di artisti come Dear Jack, Noemi, Luca Carboni, Fausto Leali, Bobby Solo e altri, oltre che a partecipare a diversi programmi televisivi e mediatici come Roxy Bar di Red Ronnie, Deejay On Stage e Ready-Steady-Occupy su Deejay TV. Forte delle centinaia di migliaia di visualizzazioni complessive su Youtube per i video dei nuovi singoli pubblicati nell’ultimo anno (e con oltre 200 esibizioni live tra concerti con la band e apparizioni varie), Luca Bretta produce il secondo album di inediti, in uscita a novembre 2017 per il propria label All For Disconnected, completamente scritto, prodotto, arrangiato, registrato e mixato dallo stesso cantautore. Il nuovo lavoro si discosta decisamente dal primo, musicalmente parlando, come si sente palesemente dai singoli “Love Adventure” e “Basti Tu”, che hanno dato a Luca una nuova identità sonora senza tralasciare comunque le influenze precedenti. Dal 2018 Luca Bretta sarà in tour in tutta Italia per presentare il suo nuovo lavoro.


Contatti
antipop.project@gmail.com
Frank Lavorino 3396038451

sabato 4 novembre 2017

L'intrigante electropop di Federico Carro torna con il nuovo disco Starlight


Dopo l'anticipazione di luglio con l'omonimo singolo in cui raccontava la storia di un fugace e casuale incontro divenuto complice sentimento per mano del destino, l'artista spezzino pubblica il secondo lavoro in studio e prosegue la narrazione delle tante sfaccettature dell'amore con un intrigante mix di suoni electro-pop e funk. Ad accompagnare l'uscita del disco sarà “Looking For Pain”, nuovo video-single.

Genere: electro - pop - funk
Label: Bentley Records
Distribuzione digitale: Bentley Records


Soundcloud https://soundcloud.com/user-580822418/sets/starlight-1


Si intitola Starlight ed è il secondo album di Federico Carro. Dopo l'anticipazione di luglio con l'omonimo singolo nel quale l'artista spezzino raccontava la storia di un fugace e casuale incontro divenuto complice sentimento per mano del destino, Carro prosegue la narrazione delle varie sfaccettature dell'amore con un intrigante mix di suoni electro-pop e funk. Sette brani su cui si dipanano synths atmosferici, ritmi sensuali e incalzanti per un viaggio attraverso stati d'animo saturi di sentimento e affetto.

Una scaletta intrisa di forti emozioni, studiata nel dettaglio per immergere l'ascoltatore nelle viscere di una storia d'amore che inizia e si svolge con un punto interrogativo: ella tornerà mai?

È ciò che Carro si chiede con la opener e nuovo video-single Looking For Pain, brano nato da una storia forse conclusa oppure no con una ragazza molto speciale, che egli attende nella speranza di rivivere e ricostruire il forte legame passato.

Nella successiva She's Not My Lover quell'amore ritornerà, ma per cercare di rovinare con la sua invidia e gelosia la nuova coppia che in Starlight si ritrova a ballare con complicità lasciandosi alle spalle le malelingue.

Ecco così che lo scorrere dei brani ci catapulta in un lungo viaggio che termina con Memories, dolci ricordi che affiorano in un percorso tanto impervio quanto magico e senza tempo chiamato amore.

Il videoclip del brano Looking For Pain, nuovo singolo del giovano cantautore spezzino in radio diffusione dal 18 settembre, è stato girato ad inizio agosto 2017 e le riprese si sono svolte, sia gli interni che gli esterni, in territorio lunigianese, più precisamente nella zona del comune di Aulla. La produzione e la regia sono state curate da Alessio Ciancianaini, regista ligure, che si è avvalso della collaborazione di uno staff di professionisti tutto locale.

Il videoclip, cantante a parte, vede come interprete la giovane attrice bolognese Alessandra Nardella. L’idea dietro al video nasce dall’atmosfera stessa della canzone, malinconica e che verte su sensazioni legate all’inquietudine interiore; la metafora visiva poggia su luoghi sia quotidiani, un appartamento ma semi-spoglio e asettico, sia più anomali, come stanze abbandonate, rovinate, grigie e sbiadite, come a richiamare un momento di caos interiore, durante il quale questa ricerca (“looking for pain”) non ha una direzione precisa e si rivela confusionaria. Forse, rimarrà alla fine del video il dubbio, non produttiva.

Looking For Pain https://youtu.be/stZM4CjchXc


Tracklist
1. Looking for pain
2. She's not my lover
3. Starlight
4. Fahrenheit
5. Rising flame
6. Silent moon
7. Memories


Biografia Nato a la Spezia il 15 Giugno 1991, Federico Carro cresce a Vernazza, circondato dalla natura radiosa di quei luoghi, trascorrendo il suo tempo immerso nel panorama del mare e delle colline, disegnando e dipingendo paesaggi, traendone ispirazione per le sue successive opere. Al liceo il suo lato artistico emerge sempre di più, rivelando il suo interesse per il mondo della scrittura. Di lì a poco scrive infatti la bozza del suo primo libro “Il segreto del verziere”. Verso l’inizio del suo ultimo anno alle superiori, la sua affezionata amica d’infanzia conosciuta alle elementari è vittima di un incidente, un evento che fa cambiare rotta all’artista, spingendolo a dedicarsi principalmente al mondo della musica. Su quell’incidente scriverà una poesia all'amica dedicata, divenuta successivamente una canzone.

Sempre più interessato ad artisti pop quali Michael Jackson, Christina Aguilera, Celine Dion, Mariah Carey, Whitney Houston senza disdegnarne il lato più latin di Ricky Martin, Enrique Iglesias e Shakira, Federico inizia ad esibirsi a Vernazza e dintorni come imitatore di Michael Jackson.

Mentre continua nella stesura del suo romanzo “Il segreto del verziere”, cresce in lui l'interesse di incidere un proprio disco. Termina quindi “Come un lampo” (2015), primo album solista registrato al Nautilus Rec Studio di Carrara da cui viene estratto il singolo omonimo, foriero di rotazioni e interviste su diverse radio italiane e perfino una londinese effettuata interamente in inglese.

Il successivo "Brucerei il fuoco per te" si piazza in 36° posizione nelle classifiche degli artisti italiani indipendenti, 5° nella classifica degli emergenti e 2º per due settimane nella classifica “Absolute Beginners” di Rockol fra gli artisti esordienti più ascoltati in radio su tutta la Penisola. Viene quindi contattato dalla Bentley Records, casa discografica internazionale di New York già collaboratrice di Sony, Universal e Warner, che decide di promuovere il secondo album all'estero.

Un nuovo incontro con una ragazza canadese sfocia in una breve quanto intensa storia d’amore che lo porterà a dedicarle due canzoni, di cui una, “Starlight”, è il titolo del secondo album uscito il 18 settembre.


Contatti

Press Media Office
antipop.project@gmail.com
Frank Lavorino 3396038451

lunedì 24 aprile 2017

Capobranco: Miele di Vespa è il nuovo videoclip!



Secondo singolo per il trio padovano dall?inconfondibile impronta funk rock, estratto dall?album "Il grande zoo", acclamato dalla critica per il groove incisivo e il pungente sarcasmo dei testi.

Genere: funk rock
Label: Jetglow Recordings

https://youtu.be/LJRoa5ddWf0

A pochi mesi dall?uscita dell?EP Il grande zoo, il Capobranco ? trio padovano dall?inconfondibile impronta funk rock - lancia il video di Miele di Vespa, secondo singolo che succede a Il rock ? fuori moda, estratto dall?album prodotto da Cristopher Bacco e pubblicato da Jetglow Recordings, acclamato dalla critica per il groove incisivo e il pungente sarcasmo dei testi.

?Miele di vespa ? una canzone un po? atipica per noi, sotto molti punti di vista.? - afferma la band - ?Nei nostri pezzi di solito prendiamo un aspetto della nostra societ? e lo analizziamo in modo scanzonato e sarcastico, cercando di far riflettere strappando un sorriso. Miele di vespa invece ? una storia intima, personale: la storia di una disillusione. Non racconta necessariamente una vicenda d?amore, ma l?intensit? e la purezza di un passato sentimento molto forte traspaiono proprio dall?amarezza delle parole con cui ci si rivolge adesso a qualcuno che in modo altrettanto forte ha deluso. E? la disperata richiesta di sincerit? a una persona la cui ipocrisia ? stata ormai smascherata.?

Allo stesso modo anche il sound della canzone rappresenta un?eccezione rispetto alla maggior parte dei brani del trio, caratterizzati da ritmiche tipiche del funk e basati sul consolidato groove tra basso e batteria. Miele di vespa ? un rock pi? classico, con una ritmica pi? lineare e un ritornello cantato a pieni polmoni. ?E? difficile citare un gruppo di riferimento, proprio perch? si tratta di una formula piuttosto tradizionale, ma nelle aperture di chitarra qualcuno ci ha sentito addirittura delle venature grunge e forse non ha tutti i torti.?


Il video ? stato girato in sessioni separate: le riprese in cui la band suona dal vivo sono state effettuate al Laboratorio Culturale I?m di Abano Terme (PD), dove peraltro hanno fatto un concerto la settimana successiva. Le scene di Katia, la bravissima protagonista, sono invece state realizzate a Padova, per le strade della citt? e in un locale del centro storico.

?Per inciso, quando sono state girate queste scene, in cui facciamo anche noi una piccola apparizione, il locale era aperto. Vi lasciamo immaginare le reazioni della gente, che si fermava per strada a guardare le riprese dalla vetrina. Ci auto-citiamo per descrivere come ci siamo sentiti: animali in un grande zoo!?

Il Capobranco ? al momento ancora impegnato ne Il grande zoo tour, che andr? avanti almeno per tutta l?estate. Il ritorno in studio per la lavorazione del terzo disco ? previsto in autunno.


CREDITI
Prodotto e realizzato da Bmovie Italia
Con Katia Riparelli
Direttore della fotografia: Daniele Serio
Montaggio e Color Correction: Alice Lorenzon
Operatore: Mauro Corti
Scenografia: Sergio Bertin
Coordinatrice di Produzione: Alice Laverda
Trucco e Costumi: Anna Dalla Bona
Scritto da Matilde Composta da un'idea dei Capobranco
Un ringraziamento speciale a: Hendrix Bar (Padova) e Associazione Khorakhan?
Riprese effettuate presso:
Laboratorio Culturale I?m, Abano Terme
Hendrix Bar, Padova
Parco Europa, Padova


Contatti
www.facebook.com/iCapobranco


Press Media Office
www.facebook.com/BlobAgency
antipop.project@gmail.com





martedì 11 aprile 2017

L'ipnosi elettronica di Spectre: esce 1984 movies



Dopo la synthwave di ?Miami?, uscito nel 2016, il produttore elettronico torinese torna a stupirci con un disco le cui sonorit? virano decisamente verso la tech house pur mantenendo il legame con la musica anni '80 divenuta ormai il suo marchio di fabbrica.

Genere: electro pop, tech house, synthwave
Label: Indastria Records
Distribuzione digitale: Indastria Records
Release Date: 11/04/2017



Dopo la synthwave di Miami, out nel 2016, Spectre torna a stupirci con 1984 movies, un disco in uscita il 10 Aprile 2017 sotto l'indipendente Indastria Records, le cui sonorit? virano decisamente verso la tech house pur mantenendo il legame con la musica anni '80 divenuta ormai il suo marchio di fabbrica.

Disponibile su tutte le piattaforme online, incluso il suo Bandcamp personale www.spectremusicproduction.bandcamp.com1984 movies ? un disco electro pop pronto a far ballare chiunque lo ascolti e ad essere amato da chiunque ami questo genere e non solo, grazie all'approccio del produttore e DJ torinese, che viene arricchito da suoni e sfumature sempre diverse. Il suono dell'album si erge tra synth e approcci nostalgici ma freschi, pronti a ridefinire un percorso che si incanala verso un sentiero ricco di sfumature, passando dalla leggerezza di Electro (Remix) ai torni pi? cupi ed ipnotici della dark Lust (Remix). Spectre si conferma un produttore discografico che ha molto da dire e di cui avremo il piacere di ascoltare e ballare i prossimi lavori.

L'album ? stato interamente registrato in camera da letto, cos? da permettere al produttore sabaudo di ?addormentarmi con il minimo sforzo tra un brano e l'altro. Scrivere, registrare, mixare e masterizzare 1984 movies ? stata per me un'esperienza immersiva, a cui pensavo in ogni minuto della giornata?.

Il singolo/videoclip di lancio ? Electro (Remix), un brano synthwave house che secondo il suo autore ?unisce le sonorit? dei Daft Punk agli anni '80?.



Tracklist
1. Electro (Remix)
2. Overdrive (Remix)
3. 1984 movies (Remix)
4. Lust (Remix)
5. Oh! Eh! (Remastered)


Biografia Spectre, il cui vero nome ? Aldo Sulotto, ? un DJ e produttore di musica elettronica nato a Torino nel 1976. La sua musica affonda le radici nella TV e nei videogiochi degli anni '80, alle cui sigle erano ispirate le sue prime esperienze creative, avvenute alle scuole elementari collegando un giradischi ed alcuni mangiacassette alla suoneria di un vecchio orologio digitale. L'amore per il demod? e il lo-fi caratterizzer? tutta la sua crescita, tra band punk che utilizzano campionatori e collaborazioni con realt? dark della scena torinese.

I padri spirituali del percorso musicale di Spectre sono molteplici e molto differenti tra loro: da The Cure ai Daft Punk, da Nick Drake ai Propellerheads e Fatboy Slim. Questa continua presenza di ispirazioni di diversa natura impregna il suo stile compositivo con una continua ricerca della sperimentazione, tra synth analogici e digitali, audio workstation, console da DJ, strumenti tradizionali e campioni di vecchie registrazioni.

Nel 2015 decide di dedicarsi completamente alla musica e comincia ad esibirsi nell'unico modo che ritiene possibile: i DJ set. Da questa svolta nasce Miami, il suo primo EP sotto l'etichetta indipendente Indastria Records, che uscir? nel 2016 ed otterr? un ottimo riscontro di vendite e critica, a tal punto da far diventare Spectre l'artista di punta della label. Con Miami, Spectre sfrutta tutto l'easy listening mai creato e le suggestioni sonore di telefilm e film come Supercar, Tron ed A-Team, per poi unire il tutto ad un personale concetto di techno house e synthwave.

Per aprile 2017 ? prevista l'uscita del nuovo album 1984 movies, che vedr? questo accostamento tra retr? ed electronic dance music ancora pi? protagonista. ? un disco molto atteso dalla sua fanbase, che porr? la massima attenzione alla tensione tra le sonorit? minimali dei synth ad 8-bit e l'ipnosi elegante delle progressioni techno. Spectre suona anche in The Basement, un duo synth pop torinese con all'attivo due dischi (Beautiful Terrible del 2015 e Prelude del 2016) e un nuovo disco in uscita a giugno 2017: Renaissance. The Basement cominciano la loro carriera nel 2016 con l'apertura torinese ai francesi Derniere Volont?, per poi dedicarsi alla ricerca di una sonorit? sempre in cambiamento, ma fortemente legata alla musica elettronica e al post-punk. The Basement sono Aldo Sulotto ed Alberto Appiano. www.facebook.com/ilikethebasement

Contatti
http://www.iamspectre.com/#about

Press Media Office
Frank Lavorino 3396038451



mercoledì 5 aprile 2017

Blob Agency Playlist - Roster 2017 https://www.youtube.com/watch?v=UQT0vHRuJrk&list=PLBaNONxHgjUD999BC0st3IShQzqq1buuK

giovedì 30 marzo 2017

"Rebis", il viaggio dei Bridgend tra passione e conoscenza.


Post rock con influenze progressive e psychedelic per un concept album diviso in tre atti che racconta, attraverso musica e dialoghi, il viaggio di un uomo in bilico tra passione e conoscenza verso l'isola di Rebis.

Genere: post rock/progressive/psychedelic
Label: Orange Park Records
Distribuzione digitale: Believe

Streaming


Bridgend è un gruppo post rock con influenze progressive e psychedelic. Il progetto prende il nome dall'omonima cittadina gallese dove il chitarrista e fondatore della band, Andrea Zacchia, era impegnato a comporre e incidere le prime preproduzioni di quello che sarebbe in seguito diventato il concept album Rebis.

Proveniente dalla scena rock underground di Roma, Andrea è stato fortemente ispirato nella composizione e nella scrittura da band rock progressive degli anni '70/'80, Marillion, Pink Floyd solo per citarne alcune. Con queste premesse Rebis non poteva che essere quindi un concept album, diviso in tre atti, nel quale i brani confluiscono l'uno nell'altro e attraverso i dialoghi tra i tre personaggi (curati dallo scrittore Lorenzo Polonio) viene raccontato il viaggio di un uomo, Rajas, verso l'isola di Rebis. Nel suo viaggio sarà accompagnato dal mentore, Sattva, e dal suo vecchio amico, Tamas, ai quali spesso chiederà aiuto per sciogliere i legami che lo trattengono a Ys, il suo mondo. A dare voce ai tre personaggi sono stati gli attori teatrali Roberto Bonfantini, Lodovico Zago e Gioele Barone.

Zacchia ha cercato di fondere il “wall of sound”, tipico delle formazioni post rock come Mogwai e Caspian, con quello più sognante e viaggiatore delle band psichedeliche anni '70. Per ottenere questo risultato lo studio di registrazione scelto è stato il PoliStudio Recording di Roma, con le esperte mani dell'ingegnere del suono Andrea Saponara a lasciare la loro impronta sul sound generale dell'album. Durante le registrazioni, durate circa tre mesi, è stato fatto larghissimo uso di macchine analogiche, le riprese hanno previsto l'uso di microfoni ambientali affinché il disco avesse ampio respiro, spesso sfruttando proprio le riflessioni del suono sui vari materiali che componevano la sala di registrazione.
Il singolo scelto per presentare l'album è la traccia Zain, di cui è disponibile il video su YouTube. Un crescendo in stile post rock con chitarre ossessionanti che si fondono a synth solenni per accompagnare Rajas nelle fasi finali del suo onirico viaggio verso Rebis. Il video è stato realizzato da Michele Montini (Drop-c art) con la tecnica del "Compositing" utilizzando Adobe Photoshop cs6 e Adobe After Effect cc 2015.

Zain è il brano che rappresenta e riassume l'intero disco.” - afferma Zacchia - “Al suo interno racchiude i principali temi trattati nell'album, curiosità, stupore, superamento dei limiti.



Tour (in continuo aggiornamento)
07.04.2017 @ Io & Vince, Argenta (FE)
08.04.2017 @ Sagittario Live Pub, Montefredente (BO)
19.04.2017 @ Freakout, Bologna



Tracklist
Act I
01 Path to Ys
02 The Sunken Cathedral
03 Ys
04 Rendezvous
05 Rebis
06 Threshold
Act II
07 Tetracedron Planus Vacuus
08 Binah
09 Return to Ys
10 Zain
Act III
11 Black Sun
12 Archè

Biografia Bridgend è il nome del progetto post rock con influenze progressive e psichedeliche di Andrea Zacchia (chitarre e synth). Al progetto collaborano Lorenzo Sirani Fornasini (basso) e Denis Kokomani (batterie). In collaborazione con Orange Park Records realizzano “Rebis”, concept album da cui viene estratto nel 2017 il primo singolo “Zain”. Attualmente la band si sta preparando al tour che la vedrà impegnata sui palchi di tutta Italia.

Contatti
Frank Lavorino 3396038451